Carrello

FERRARI 312 PB N.1 WINNER 1000 KM MONZA 1972 ICKX-REGAZZONI 1:43 - Brumm

Dettagli del Modellino

Informazioni aggiuntive

Marchio

Ferrari

Produttore

Brumm

Codice Produttore

BM0261CH

Scala

Scala 1:43

Materiale

Die-Cast

Categorie

Da Competizione, Figurini

Modello realizzato da Brumm in Die-Cast in scala 1:43 con favolosi dettagli della carrozzeria e dell’abitacolo che riflettono il più possibile l’auto reale.

31,18 29,02

Esaurito

Iscriviti alla Lista d'attesa

Spedizione Veloce

La spedizione avverrà entro 3/5 giorni.

Spedizione Gratuita

Per ordini superiori a 200€ la Spedizione è GRATUITA!

FERRARI 312 PB N.1 WINNER 1000 KM MONZA 1972 ICKX-REGAZZONI

FERRARI 312 PB

La Ferrari 312 PB è una vettura da competizione costruita dalla Ferrari, classificata tra i prototipi di Gruppo 6 e destinata a competere nel Campionato Internazionale Marche del 1971.
Il nome originale di questa automobile era 312 P, mentre la denominazione 312 PB (dove la B sta per motore Boxer) le fu attribuita solo in un secondo momento per distinguerla dall’omonima vettura che la Casa di Maranello aveva realizzato nel 1969. Tuttavia, le analogie tra i due modelli si fermano al solo nome ufficiale; infatti, la 312PB presentava parecchi punti di contatto con la serie 312B, destinata alla F1, a partire dal motore: il Ferrari Tipo 001 12 cilindri piatto.
Fu costruita in undici esemplari, ma alcune fonti ne riportano 12. Dopo un’interlocutoria stagione di debutto (1971), dove comunque la berlinetta dimostrò un grande potenziale arrivando a competere con le ben più potenti Gruppo 5 (1000 km del Nürburgring) la versione evoluta della 312 PB dominò la stagione 1972, vincendo tutte le gare a cui fu iscritta. Si ricorda in particolare la vittoria alla Targa Florio dove la vettura fu guidata da Arturo Merzario in coppia con Sandro Munari. La vettura non fu schierata alla 24 Ore di Le Mans 1972 per fermo volere di Enzo Ferrari.
Corse ancora nel 1973 partecipando quell’anno anche alla 24 Ore di Le Mans, ma non si riuscì a ripetere la stagione trionfale dell’anno precedente, anche a causa della carente affidabilità e della massiccia concorrenza della francese Matra, che si aggiudicò il titolo con i modelli MS660 e MS670 vincendo 5 gare su dieci; tuttavia, la 312PB riuscì a vincere due corse prestigiose, la 1000 km di Monza e la 1000 km del Nürburgring.